.
Annunci online

You've got the style it takes
Il giorno del giudizio (forse)
post pubblicato in Diario, il 31 gennaio 2008

Miei esigui ma affezionatissimi lettori (e quindi ancora più apprezzabili e degni di affetto), oggi pomeriggio sarò impegnata nel CDA della baracca, dove decideranno se assumermi a tempo indeterminato o meno. Spero lo decidano oggi e non mi facciano ulteriormente aspettare.
Tenete quindi le dita incrociate!

Ma soprattutto vi chiedo di tenere le dita incrociate e anzi, chi è avvezzo a tale pratica, di pregare per un amico di blog che sta passando il momento peggiore che una persona possa passare.
La vita è una merda, almeno noi volemose bbene.

Pessime imitazioni
post pubblicato in Diario, il 30 gennaio 2008

Mentre in Florida Hillary Clinton vince sull'arrogantello veterokenyota, e Rudy Giuliani paventa la sua ritirata, in Italia assistiamo inermi (ed anche un po' schifati, diciamocelo) al delirio veltroniano.
Pacatamente, Veltroni passa da una boutade all'altra, da un voltafaccia all'altro, da una prosopopea all'altra. Dimentico ormai del suo passato nel PCI, della lezione di Togliatti prima, e del grande, grandissimo Berlinguer dopo, prima apre a Berlusconi proponendogli la grande coalizione (e fin qui niente da dire, per il bene dell'Italia questo e altro) poi - a meno che non me lo sia sognata- si piega ai teodem senza i quali il PD sarebbe una banda di cariatidi senza senso, e avvalla la moratoria contro l'aborto.
Guardatevi dal fintobuono Valter. E' ambizioso e gelido. E' colui che per timore di perdere lo scettro del comando ha impedito la candidatura alle primarie del PD di Bersani, contornandosi di avversari facilmente affondabili. E' l'uomo che vorrebbe essere Robert Kennedy ma ha l'aplomb di Lillo il Castoro. E' colui che, pur volendo imitare il Democratic Party made in USA, lo sta rovinando ancor prima di farlo decollare.
Se ci aggiungiamo che Bertinotti ormai parla come Berlusconi e che Diliberto trasforma in merda qualsiasi cosa, possiamo dolorosamente affermare che la lezione della sinistra europea è stata dimenticata.
A lottare per il proletariato, ormai, rimane solo un uomo:
 
Lo capite che abbiamo toccato il fondo???


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. che paese di merda

permalink | inviato da Dolcinganni il 30/1/2008 alle 9:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (21) | Versione per la stampa
Supercazzole prematurate con scappellamento a DESTRA
post pubblicato in Diario, il 29 gennaio 2008

Silvio, 28 gennaio 2008: O elezioni subito o si va in piazza.
Silvio, 29 gennaio 2008: Non ho mai detto che se non si fanno le elezioni subito si va in piazza.

Come si cambia, per non morire
come si cambia, per dimenticare



Silvio, un uomo da marciapiede.

Si ringraziano per il loro genio artistico e politico, nonché per la gentile concessione:
Eco e Diderot (all rights reserved).

Random
post pubblicato in Diario, il 29 gennaio 2008

Oggi non ho niente da dire.
Ieri sera ho iniziato a guardare la III serie di Weeds, ma l'ho interrotta perchè ho promesso al mio fidanzato che riguarderò con lui le prime due serie.
Sempre il fidanzato da Stoccolma mi ha portato un minivestito di lana in stile finnico, fighissimo.
Ieri mi sono arrivati i finti Uggs che dovevano servirmi per la Svezia.
La Scusi è in missione per conto mio per cercarmi, a Genova, una Kelly Birkin.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. il vuoto cosmico

permalink | inviato da Dolcinganni il 29/1/2008 alle 11:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
Ladida: facciamo PUlitica!
post pubblicato in Diario, il 28 gennaio 2008

Non so quanti di voi abbiano visto Fausto Bertinotti ieri sera da Fazio.
Era da prendere a selciate nelle gengive.
Ha detto tante mai di quelle bischerate che a momenti mi saliva di nuovo la febbre.
Intanto, per rispondere a Martenot-Neon, dico solo che -citando Woody Allen (nel weekend di malattia e solitudine, oltre a Weeds ho rivisto anche "Annie Hall")- non farei mai parte di uno schieramento politico per cui simpatizza mia madre.
Insomma, il PD... Veltroni e la Binetti... Franceschini... ma la laicità dello stato? Ma le radici della sinistra europea? No, non mi fido.
Martenot è giovane, e intelligente. Quello che ha detto nel commento un paio di post sotto è perfettamente condivisibile, ma io nelle azioni dei partiti non credo più. Purtroppo la gente per bene viene caldamente osteggiata all'interno degli schieramenti. E' encomiabile il voler cambiare il sistema dall'interno, ma io per ora non ce la faccio. Sono delusa e amareggiata.
Lo dico perchè, nel mio piccolo, c'ho provato. E mi sono scontrata con una mentalità ottusa, clientelare (mi hanno corretta...), leccaculo che ci ostiniamo a chiamare "sistema Italia".
Però a Martenot, Andrea e a tutte le persone giovani e integerrime che ancora ci credono dò tutto il mio appoggio.
Chissà che un giorno torni anche a me la voglia di combattere per un paese che non amo più.
A Bertinotti voglio dire:
Sì, sono esterofila, embè?? Mi ci avete fatta diventare voi, cani!

Facciamo PUlitica!
Intanto io mi sono Pulita le budella e sono dimagrita 3kg!

Sfoglia dicembre   <<  1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7  >>   febbraio
il mio profilo
tag cloud
links
calendario
cerca